Rufus con Clonezilla

Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Prima Parte)

Perché clonare un Hard Disk? Supponiamo che abbiamo un vecchio portatile e lo vorremmo più veloce. Farlo rivivere insomma! Un’ottima idea è quella proprio di cambiare hard disk (se Sata) e sostituirlo con un SSD. Renderete il vostro pc o portatile moolto più veloce!!!

Ok abbiamo deciso di cambiare Hard disk su un portatile o un pc fisso. Ma non vogliamo perdere tempo a reinstallare tutto. Un’ottima idea è quella per il metodo della clonazione del hard disk.

Perché dovremmo clonare un hard disk, non si possono spostare semplicemente le cartelle copiarle?
La risposta è dipende!

Infatti se la nostra necessità è quella di spostare dati, ad esempio foto, film , o altro, si può certamente copiare le varie cartelle su una chiavetta usb capiente (oppure un Hard disk esterno) e ricopiarlo sul nuovo hard disk.

Ma se il nostro hard disk ha i file di sistema operativo (il classico “C”), supponiamo la nostra intenzione e proprio sostituire un hard disk in un vecchio portatile per farlo rivivere, allora assolutamente no.

Clonare o Duplicare???

La clonazione vuol dire poter avere esattamente lo stesso disco byte per byte, mentre la duplicazione è semplicemente una copia, quindi la copia di un hard disk NON potrà fare il boot (ad esempio la partizione potrebbe non essere attiva!).
Per quello è necessario utilizzare la clonazione (azz sembra un film di fantascienza!!).

Quasi tutti eseguono la clonazione avendo entrambi gli hard disk online, cioè funzionanti contemporaneamente. Ma non sempre si ha disposizione un computer con i vari attacchi sata, ata ecc.

La mia idea, per ovviare a questo problema è quella di creare un file immagine del hard disk che si vuole copiare. Un file immagine non è altro il clone di intero hard disk dentro un singolo file! Quando ad esempio scarica la ISO di Windows 10 oppure di una distribuzione Linux , non è altro che il file immagine di un DVD! Noi faremo lo stesso, ma del nostro hard disk del portatile/pc … chiaro no?

Inoltre questa procedura sarà utile se vogliamo fare un backup completo! In caso di disastro si potrà avere di nuovo un pc funzionante in tempo zero. Ovvio, non è proprio il sistema migliore, ma sicuramente è sicuro!

Per riuscire a far tutto è necessario avere una chiavetta USB boot (minimo da 8 Gb) dove vi sarà CLONEZILLA (ovviamente free e  open source!) ed un hard disk esterno abbastanza capiente per contenere il file immagine (che deve essere di dimensioni uguali o superiori al disco target). Se abbiamo un Hard disk di 120 Gb, il nostro sostituto deve essere maggiore o uguale di 120 Gb.

Clonezilla.. ma che è?

Forse vi chiederete da dove salta fuori questo software? Per quanto magari ai più sarà sconosciuto, in realtà Clonezilla è un programma gratuito di clonazione dischi e creazione di immagini del disco rigido.

Clonezilla è stato progettato da Steven Shiau e sviluppato da NCHC Free Software Labs a Taiwan. Clonezilla SE fornisce supporto multicast alla stessa maniera di Norton Ghost Corporate Edition. Insomma delle credenziali di tutto rispetto!

Download del software… e si  va

Per prima cosa è necessario eseguire il download del software necessario. Il sito https://clonezilla.org
La scelta della “Cpu Architeture” dipende dalla vostra CPU.

  • Se avete una CPU AMD64 o un Intel 64 allora potete scaricare la versione amd64
  • Se avete dubbi utilizzate la versione I686 . La versione sarà un po’ più lenta ma va con tutto!!
  • Deve essere un iso non ZIP

Rufus… ma da dove spunta?

Rufus non è nient’altro che una utility che ci permetterà di copiare Clonezilla su una chiavetta USB che diventerà avviabile. Ma stessa cosa potete fare per diverse distribuzioni linux.

Il link dove trovare il software è qua RUFUS.

Creazione della chiavetta USB …

Dobbiamo adesso creare la chiavetta avviabile.

ATTENZIONE: TUTTI I DATI DELLA CHIAVETTA SARANNO CANCELLATI

Eseguiamo l’utility RUFUS, vi sarà chiesta autorizzazione di eseguire il programma.

In “Dispositivo/unità” selezionate dove avete messo la chiavetta USB (minimo da 8 Gb) e selezionate in “SELEZIONA” (ma va!!!) dove avete salvato ISO di Clonezilla.

Prima di selezionare avvia, ricordo che tutti i dati della chiavetta saranno persi in quanti sarà formattata.

A questo punto selezionate “AVVIA” e partirà la creazione della chiavetta USB con Boot e appunto Clonezilla

Rufus con Clonezilla
Configurazione di Rufus per Clonezilla

A questo punto dopo aver avvertimento che distruggerà tutti i dati della chiavetta USB (preferisco dirlo e ridirlo per evitare brutte sorprese), partirà con la copia dell’ISO di Clonezilla, finchè non avrà terminato.

Nella prossimo articolo  eseguiremo il backup/restore su file oppure clonazione  del disco.

Attenzione: State utilizzando questa procedura a vostro rischio e pericolo. Il sito Iblog127 ed io non siamo responsabili in alcun modo.

 

 

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

 

Fonte:

https://www.giardiniblog.it
https://clonezilla.org
https://web-in.it

 

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

 

Autore dell'articolo: iBlog127

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.