iBlog127.it https://www.iblog127.it Recensioni, Informatica e Tecnologia Thu, 30 Apr 2020 12:49:44 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.4.2 Telegram: Pubblicare in automatico dal blog ( Parte prima) https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-pubblicare-in-automatico-il-nostro-blog-parte-prima/ https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-pubblicare-in-automatico-il-nostro-blog-parte-prima/#respond Wed, 22 Apr 2020 11:54:09 +0000 https://www.iblog127.it/?p=971 Telegram è installato, e abbiamo creato il nostro gruppo/canale. Pubblicare manualmente ogni articolo del nostro blog, e noioso, sopratutto porta via tempo. Ma noi siamo dei provetti informatici, quindi….Andremo a ….Pubblicare in automatico! I Bot di Telgram … assolutamente fantastici In Telegram esistono delle piccole applicazione, che permetto d’interagire con l’utente, automatizzare attività, e rispondere […]

L'articolo Telegram: Pubblicare in automatico dal blog ( Parte prima) proviene da iBlog127.it.

]]>
Telegram è installato, e abbiamo creato il nostro gruppo/canale.
Pubblicare manualmente ogni articolo del nostro blog, e noioso, sopratutto porta via tempo. Ma noi siamo dei provetti informatici, quindi….
Andremo a ….Pubblicare in automatico!

I Bot di Telgram … assolutamente fantastici

In Telegram esistono delle piccole applicazione, che permetto d’interagire con l’utente, automatizzare attività, e rispondere a eventuali domande predefinite. Segnalo ad esempio un bot, molto interessante, chiamato TRACKBOT (vedi link), che permette di tracciare le spedizioni, riceverne gli aggiornamenti, tutto in tempo reale.
Gratis, illimitato, con ed è utilizzabile con più di 40 corrieri.

Il sito IFFT — ovvero If This Then That

Oltre al Bot che esegue l’attività materiale di pubblicazione in telegram, è necessario però creare un “recipe”, cioè un piccolo programma, vedremo banale, che faccia la cosiddetta azione condizionale:
Quando si verifica l’evento IF il programma esegue l’azione THEN.
Nel nostro caso:
Quando si aggiorna il nostro Blog (Evento IF) esegue l’azione di pubblicarlo su nostro canale Telegram (Azione THEN).
Per questo ci servirà l’iscrizione a IFFT, cioè If This Then That. Un fantastico, pratico e gratuito sito che, collegando diversi servizi esterni, permette di automatizzare le nostre azioni quotidiane.
Dobbiamo quindi risolvere un ultimo problema:
Come facciamo a sapere quando il nostro sito ha una nuova pubblicazione in automatico? Non vogliamo agire manualmente ogni volta che pubblichiamo qualcosa, non sarebbe un vero automatismo!
Ci viene incontro il cosiddetto “NewsFeed RSS

NewsFeed Rss.. ma cosa è?

Creato da Nescape nella notte dei tempi, nel 1999, permette ai nuovi articoli, di aggiornare il flusso dei dati, sottofortma di file in formato XLM chiamato appunto Feed Rss.
Per sfruttare questi aggiornamento automatici, vi sono dei software aggregatori, che permettono, senza andare direttamente sul sito, di essere aggiornati sui nuovi articoli.
Insomma è esattamente quello che stiamo cercando!
Il file in questione è presente su tutti i siti, e wordpress ci viene incontro visto che lo crea in automatico. Basta aggiungere /feed. Per questo sito sarà:
https://www.iblog127.it/feed/

NewsFeed Rss e WordPress

WordPress ti offre la possibilità di aggiungere facilmente feed RSS al tuo sito (Puoi anche aggiungere un feed rss di un sito amico). Per procedere, segui i passaggi di seguito indicati:

  • Step 1. Entra nella tua area utente di WordPress e vai nellla sezione Appearance (o Aspetto) e in  Widgets .
  • Step 2. Step 3. Nella sezione Widgets seleziona Widget RSS e clicca sul triangolino.
  • Step 4 Selezione dove vuoi che venga inserito, Barra Laterale o altro e poi Add (Aggiungi).
  • Inserisci l’URL del feed RSS, il suo titolo (opzionale) e controlla quali dettagli impostare (opzionale).
  • Step 5. Seleziona Done (Fatto) e poi Save Changes (Salva) per pubblicare il feed RSS sul tuo blog.

Nel prossimo articolo vedremo come creare il Bot su telegram necessario per la pubblicazione in automatico del blog.

Prossimo articolo:

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Telegram: Pubblicare in automatico dal blog ( Parte prima) proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-pubblicare-in-automatico-il-nostro-blog-parte-prima/feed/ 0
Telegram: Come creare un canale https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-come-creare-un-canale/ https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-come-creare-un-canale/#respond Mon, 06 Apr 2020 13:32:18 +0000 https://www.iblog127.it/?p=942 In questo articolo vi spiegherà come creare su Telegram un Canale.

L'articolo Telegram: Come creare un canale proviene da iBlog127.it.

]]>
Nel post precedente, QUA, abbiamo visto che cosa serve Telegram, e sopratutto le sue potenzialità.
Adesso capiremo come creare un Canale in Telegram.

Cos’è un Canale in Telegram.

I canali sono utili sopratutto se vuoi diffondere i tuoi messaggi, di qualsiasi tipo, ad un numero molto ampio di persone.
Infatti non vi è un limite ai membri del canale, al contrario dei gruppi.
Quando l’utente scrive in un canale, i messaggi non vengono marchiati con il suo nome ma con quello del canale stesso. Altre differenza dai gruppi, e se cancelli un messaggio, sarà cancellato per tutti.
L’amministratore del canale può dare diverse autorizzazioni ad altri utenti, incluso quello di Admin, in modo che possa farsi aiutare nella gestione del canale stesso.
Altra particolarità, e che gli utenti che si uniscono al canale, vedono TUTTA la cronologia dei messaggi.

Iniziamo a creare un canale.

Prima della sua creazione vera e propria, e necessario pensare al nome che si vuole dare al proprio canale.
E’ infatti importantissimo, in quanto ci permetterà di essere riconosciuti all’interno della comunità di Telegram.
Se hai un azienda probabilmente metterai il suo nome, il tuo canale youtube o del tuo sito.
Nel mio caso sceglierò “Informatica a 360 – IBLOG127” cosi come è nel gruppo facebook, dove vi invito ad iscrivervi.
https://www.facebook.com/groups/informatica360.iblog127/.
Adesso è finalmente arrivato il momento di creare il canale:

Iphone OS: Crea un nuovo messaggio (premi sull‘icona nell’angolo in alto a destra nella lista chat). Quindi ‘Nuovo Canale’.

Android: Premi sull‘icona della matita nella lista chat. Quindi ’Nuovo Canale’.

Windows Phone: Premi ‘+’ nella barra in basso. Quindi ‘Nuovo Canale’.


Nella creazione di chiederà in nome del canale, una sua discrezione, se il canale sarà pubblico, oppure privato (inq questo caso, vi si potrà accedere solo tramite link d’invito), e link permantente:
Nel mio caso sarà quindi t.me/iblog127it

Ecco che avete creato il vostro canale. Adesso starà a voi riempirlo di contenuti!

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Telegram: Come creare un canale proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-come-creare-un-canale/feed/ 0
Telegram: uso e altro https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-uso-e-altro/ https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-uso-e-altro/#comments Fri, 21 Feb 2020 11:21:51 +0000 https://www.iblog127.it/?p=925 Telegram questo sconosciuto.. forse avrei dovuto scrivere cosi nel titolo. Avete presente WhatsApp ??? Ecco Telegram è un prodotto molto simile, in servizio di messaggeria istantanea, basato sul Cloud. Ma, attenzione ho scritto simile non uguale. Molti lo preferiscono! Il software è distribuito gratuitamente dalla Telegram LL, società inglese con sede nel Regno Unito, fondata […]

L'articolo Telegram: uso e altro proviene da iBlog127.it.

]]>
Telegram questo sconosciuto.. forse avrei dovuto scrivere cosi nel titolo.

Avete presente WhatsApp ??? Ecco Telegram è un prodotto molto simile, in servizio di messaggeria istantanea, basato sul Cloud. Ma, attenzione ho scritto simile non uguale. Molti lo preferiscono!

Il software è distribuito gratuitamente dalla Telegram LL, società inglese con sede nel Regno Unito, fondata dall’imprenditore russo, Pavel Drov.

I client sono distribuiti come software libero per varie piattaforme, Android, Linux, iOS, MacOS, Windows e il ormai fu Windows Phone.

Cosa si può fare con Telegram?? Praticamente di tutto! Ovviamente scambiare messaggi tra due utenti, ma anche a gruppi fino a 200.000 partecipante, scambiare messaggi vocali, video, fotografie, video chiamate, trasmissione diretta in un gruppo, sticker e sopratutto scambio di file fino a 1, 5Gb!

Le chat

Vi sono due tipologie di chat, Classiche e Segrete.

La classica, utilizza quella che noi conosciamo forse di più. Invio dei messaggi in nuvoletta, di testo, video e foto, posizione GPS.

La Chat segreta, permette una sicurezza maggiore, nel senso che la connessione e diretta e non passa da nessun server. Questo implica che la chat segreta non può essere condivisa su più device ma solo da quello che stai usando in quel momento. Puoi anche ordinare che l’invio del messaggio (sia esso di testo, foto o video) si autodistrugga dopo un tempo determinato.

Contrariamente ad altri programmi simili, NON compare il numero telefonico, ma se presente in rubrica si (ma si può disabilitare).

Gruppi

I gruppi Telegram , come scritto sopra, possono contenere fino a 200.000 partecipanti. Si possono creare Amministratori, bloccare o eliminare utenti, eliminare messaggi, inviare sondaggi, link con anteprima, fissare messaggi nella parte superiore ecc

Canali

I canali Telegram sono dei gruppi il cui amministratore può scrivere a tutti, ma questi non possono rispondere. Un canale può essere pubblico o segreto. Nel caso sia pubblico, si può associarlo ad un indirizzo link kink e username.

Bot

I Bot sono una delle caratteristiche che fanno la differenza. Non sono altro che account Telegram, gestiti da un programma, in grado di ricevere/dare risposte automatizzate, e molte altre funzionalità.

Vi sono anche dei bot definiti inline, cioè bot che puoi citare con il proprio utente in qualsiasi chat. Di seguito un elenco:

  • @gif – Per cercare e mandare GIF;
  • @vid – Per condividere video da YouTube;
  • @bing – Per condividere immagini con Bing;
  • @pic – Per condividere immagini con Yandex;
  • @wiki – Per condividere voci di Wikipedia in tutte le lingue;
  • @Imdb – Per condividere informazioni sui film;
  • @bold – Per formattare parti del testo.

Sticker

Gli stiker, in italiano adesivi, sono immagini ad alta definizione, che hanno lo scopo di rendere più espressivo il messaggio. Insomma sono degli emoij ma con una definizione di disegno decisamente più elevata. Gli Stiker sono divisi in set, “Sticker Pack” ognuno dei quali può contenere massimo 120 caratteri.

 

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Telegram: uso e altro proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/telegram-uso-e-altro/feed/ 1
Malware: i Mac superano i Pc Windows https://www.iblog127.it/tecno-news/malware-i-mac-superano-i-windows/ https://www.iblog127.it/tecno-news/malware-i-mac-superano-i-windows/#respond Thu, 13 Feb 2020 21:19:13 +0000 https://www.iblog127.it/?p=909 Per anni, gli utenti Mac,  si sono vantati della quasi immunità nei confronti di virus (e co.) dei loro Mac rispetto ai Pc Windows. Ovviamente non è mai stato vero, semplicemente il numero di software malevoli creato per il mondo Apple era decisamente inferiore al mondo Windows, e questo per un rapporto di vendite a […]

L'articolo Malware: i Mac superano i Pc Windows proviene da iBlog127.it.

]]>
Per anni, gli utenti Mac,  si sono vantati della quasi immunità nei confronti di virus (e co.) dei loro Mac rispetto ai Pc Windows.

Ovviamente non è mai stato vero, semplicemente il numero di software malevoli creato per il mondo Apple era decisamente inferiore al mondo Windows, e questo per un rapporto di vendite a favore di quest’ultimi.

Invece, nel corso di questi ultimi mesi, la situazione è drasticamente cambiata!!!

Nell’ultimo rapporto del resources.malwarebyte,nota azienda di anti malware, risulta chiaro che le parti si sono clamorosamente invertite.

Negli ultimi anni le minacce verso il mondo della mela sono aumentate del 400% ogni anno. Risulta evidente che il maggior numero di utenti ha portato l’attenzione del mondo del  cybercrime.

Nel ultimo rapporto del 2019, la società ha rilevato una media di 11 minacce per endpoint Mac rispetto alle 5,8 minacce per endpoint pc Windows. Praticamente il doppio.

Nel al 2018 le minacce endpoint verso i Mac erano 4,8, è in pratica sono praticamente raddoppiate in un anno. 

Vi sono però delle differenze da sottolineare.
Il mondo Windows, le minacce sono soggette ai classici malware, mentre per i Mac sono legati per lo più ad  adware, programmi di annunci pubblicitari, i cosidettin Pup – Potentialy Unwanted Programs (Programmi Potenzialmente Indesiderati), software che si installa senza autorizzazione da parte del utente.

L’analisi ci dice che sebbene meno pericolosi dei malware Windows, viene sfatato il mito dell’immunità verso i virus del mondo Mac, come vorrebbero invece i fanboy Apple.

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

Fonti:
resources.malwarebytes.com
www.zeus.it
www.wired.it

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Malware: i Mac superano i Pc Windows proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/malware-i-mac-superano-i-windows/feed/ 0
USB 4.0 Il nuovo standard https://www.iblog127.it/tecno-news/usb-4-0-il-nuovo-standard/ https://www.iblog127.it/tecno-news/usb-4-0-il-nuovo-standard/#respond Fri, 31 Jan 2020 14:02:18 +0000 https://www.iblog127.it/?p=896 Nel mese di marzo 2019, la USB Implementers Forum (USB-IF) ha annunciato la nascita del nuovo standard USB 4.0. In settembre ha poi definito le ultime specifiche ufficiali. La motivazione di questa nuova tecnologia, lo si deve sopratutto all’INTEL che ha deciso di aprire le licenze del suo protocollo Thunderbolt 3 a tutti quanti.  Di fatto […]

L'articolo USB 4.0 Il nuovo standard proviene da iBlog127.it.

]]>
Nel mese di marzo 2019, la USB Implementers Forum (USB-IF) ha annunciato la nascita del nuovo standard USB 4.0.

In settembre ha poi definito le ultime specifiche ufficiali. La motivazione di questa nuova tecnologia, lo si deve sopratutto all’INTEL che ha deciso di aprire le licenze del suo protocollo Thunderbolt 3 a tutti quanti.  Di fatto è nata un’integrazione tra lo standard Intel e USB-C, con l’utilizzo del trasferimento dati a due vie: in entra e in uscita

Il tutto reso possibile proprio grazie alla connesione USB-C. Le prestazioni saranno incredibili,  teoriche fino a 40 GB al secondo (con i cavi ovviamente certificati)!

Per la ricarica “energetica” classica, il nuovo protocollo riuscirà gestire potenze fino a 100w . 

Fortunamente è dichiarata la retro-compatibilità con USB 2.0, USB 3.2 e Thunderbolt 3. Purtroppo le ormai vetuste USB 1.0 e USB 1.1. non risulteranno compatibile, ma stiamo anche parlando di protocolli di 20 anni fa.

Al momento sono numerose le aziende al lavoro per il nuovo protocollo, circa 50, tra cui ovviamente Intel e Microsoft per il pieno supporto a Windows 10.

Le prime periferiche USB4 non sono affatto vicine, ma nemmeno lontanissime. Si parla infatti di fine 2020 o inizio 2021.

Un’altra caratteristica, e che non tutti i device, e sopratutto cavi, potranno arrivare alla massima velocità. Sarà quindi necessario verificare con attenzione il tipo di cavo acquistare in base al device utilizzato.

Attenzione alla nomenclatura. Infatti secondo le specifiche della USB-IF i cavi USB saranno rinominate, creando cosi una bella confusione. 

Tabella con i nuovi nomi.

 Tipo Velocità Attuale  Tecnico Marketing
1. USB 4  40 Gbps  Non Presente USB 4.0 Non ancora annunciato
2. USB 3.2 20 Gbps  USB 3.2 USB 3.2 Gen 2×2 SuperSpeed USB 20Gbps
3. USB 3.1 10 Gbps USB 3.1 USB 3.2 Gen 2 SuperSpeed USB 10Gbps
4. USB 3.0 5 Gbps USB 3.0 USB 3.2 Gen 1 SuperSpeed USB

 

Il consumo di banda sarà quello tipico da USB: se un device consumerà 10 Gpbs (per esempio) il restante 30 Gbps saranno suddivisi tra gli altri device, esattamente come accade attualmente.

Molti credono che chi ne farà le spese sarà HDMI , visto che con USB 4 si potranno gestire ben due Monitor  da 4K oppure uno 5K.

Insomma una vera rivoluzione è ormai alle porte.

 

 

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

Fonte:
www.tomshw.it
www.wired.com

 

 

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo USB 4.0 Il nuovo standard proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/usb-4-0-il-nuovo-standard/feed/ 0
Auricolari Bluetooth HETP TWS https://www.iblog127.it/recensioni/auricolari-bluetooth-hetp-tws/ https://www.iblog127.it/recensioni/auricolari-bluetooth-hetp-tws/#respond Fri, 24 Jan 2020 12:43:13 +0000 https://www.iblog127.it/?p=881 Ecco una recensione sugli Auricolari Bluetooth HETP TWS, utilissime in questo mondo digitale. La custodia in cui sono conservate sono in una bellissima scatoletta in abs nera, con il coperchio, color grigio fumè trasparente che ne fanno, almeno alla visione, un oggetto davvero di classe. All’ interno vi sono i due auricolari, sempre di colore […]

L'articolo Auricolari Bluetooth HETP TWS proviene da iBlog127.it.

]]>
Ecco una recensione sugli Auricolari Bluetooth HETP TWS, utilissime in questo mondo digitale.

La custodia in cui sono conservate sono in una bellissima scatoletta in abs nera, con il coperchio, color grigio fumè trasparente che ne fanno, almeno alla visione, un oggetto davvero di classe.

All’ interno vi sono i due auricolari, sempre di colore nero, con led colorati che permettono tutti i vari controlli con semplici touch.

Nella scatola vi sono ben 4 pinne auricolari, per le varie dimensioni delle orecchie (XS /S / M / L),un manuale utente,  e un cavetto usb, per la ricarica. Davanti sono presenti due prese usb e micro usb.

Le caratteristiche tecniche recitano che sono cuffie stereo HD, con tecnologia Bluetooth 5.0, insomma l’ultima generazione. La batteria degli auricolari è di 50 mAh con circa 120 Ore di riproduzione. Il tempo di ricarica è di circa 3/4 ore.  Invece le caratteristiche del power bank, ovvero la custodia, ha una ricarica di 3500 mAh.  La distanza del Bluetooth è di circa 10 metri.

E’ molto interessante che la base di ricarica, che presenta un display che ti indica chiaramente la percentuale di carica degli auricolari, un bel vantaggio insomma.

Altra funzionalità interessante è la possibilità di poter utilizzare la base come power bank di emergenza, infatti come descritto prima sulla parte anteriori presenta proprio 2 porte usb e mini.

L’accoppiamento con il cellulare è veloce, si accendono e lampeggia di rosso/blu,  e sullo smartphone nella sezione Bluetooth, e si connette agli auricolari. Insomma il classico pair.

La qualità del suono è ottimo, e anche per la controparte. Con il semplice tocco, si possono accendere spegnere, rifiutare le telefonate, mettere in play o in pausa, alzare e abbassare il volume, attivare l’assistente virtuale, Siri o Ok google.

Come commento devo dire che sono assolutamente interessante sia per la pulizia del suono sia per l’estetica davvero gradevole con inoltre la ciliegina del powerbank.

Link Amazon:  Auricolare Bluetooh HETP

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Auricolari Bluetooth HETP TWS proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/recensioni/auricolari-bluetooth-hetp-tws/feed/ 0
Tecnologie dismesse nel 2019 https://www.iblog127.it/tecno-news/tecnologie-dismesse-nel-2019/ https://www.iblog127.it/tecno-news/tecnologie-dismesse-nel-2019/#respond Tue, 07 Jan 2020 13:12:18 +0000 https://www.iblog127.it/?p=860 Tecnologie che sembravano promettenti ma che nel 2019 hanno dato l’addio! Google Chromecast Audio rilasciato per la prima volta a settembre 2015, Chromecast Audio si collega all’ingresso aux dell’altoparlante o del sistema audio tramite un jack audio da 3,5 mm per renderlo wireless. Ma con il rilascio di sempre più altoparlanti wireless, la necessità di […]

L'articolo Tecnologie dismesse nel 2019 proviene da iBlog127.it.

]]>
Tecnologie che sembravano promettenti ma che nel 2019 hanno dato l’addio!

Google Chromecast Audio

rilasciato per la prima volta a settembre 2015, Chromecast Audio si collega all’ingresso aux dell’altoparlante o del sistema audio tramite un jack audio da 3,5 mm per renderlo wireless. Ma con il rilascio di sempre più altoparlanti wireless, la necessità di Chromecast Audio è diminuita e Google l’ha interrotta questo gennaio.

Norton Core

era un elegante router ricco di funzionalità di sicurezza e controllo parentale per proteggere tutti i dispositivi di casa, dal PC al frigorifero intelligente. Ma un bell’aspetto non è riuscito a salvare questo gadget; All’inizio di quest’anno Symantec ha confermato che “stava interrompendo la produzione hardware di Norton Core”.

Wii Shop

con i clienti che passano al Nintendo eShop su Switch e 3DS, il Nintendo Wii Shop, che risale al 2006, ha salutatodefinitivamente il 30 gennaio.

Pulsanti Dash Amazon

Amazon ha introdotto per la prima volta il pulsante Dash nel 2015, un giorno prima del pesce d’aprile, ma il prodotto non era uno scherzo. Il concetto è stato progettato per semplificare il processo di acquisto online, consentendo di rifornire i prodotti preferiti di marchi come Gatorade o Gillette con una semplice pressione di un pulsante Wi-Fi.
Ma con l’ascesa di Alexa, i nostri telefoni e le app Amazon sempre a portata di mano, i pulsanti separati per i singoli prodotti sono diventati sempre meno utili e Amazon ha deciso di eliminarli. Vivono comunque come “pulsanti virtuali”.

Momenti di Facebook

questo servizio autonomo raggruppava le immagini sul telefono in base a quando erano scattate e, utilizzando il software di riconoscimento facciale, quali amici erano presenti. Tuttavia, non abbastanza persone hanno utilizzato Facebook Moments ed è stato chiuso.

Razer Game Store

il produttore di hardware per giochi Razer, ha provato il software nel 2018 con il Razer Game Store, che offriva sconti sui giochi a cui gli acquirenti potevano accedere su Steam, Uplay e Origin. Ma come sottolinea Slashgear, il negozio era ridondante e le offerte non sono particolarmente degne di nota col passare del tempo. Per motivi economici è stato quindi chiuso.

Lettori Blu-ray Samsung

Samsung ha confermato a febbraio che non avrebbe più rilasciato nuovi modelli di lettori Blu-ray o Blu-ray 4K negli Stati Uniti. Non è stato fornito alcun motivo, ma come nota Mashable, i dispositivi Samsung non supportano Dolby Vision, per non parlare del ridotto interesse dei consumatori per l’acquisto dei supporti fisici.

Apple AirPower

Apple ha annunciato AirPower nell’autunno del 2017 insieme a iPhone X. “Il nuovo tappetino AirPower progettato da Apple, in arrivo nel 2018, può caricare contemporaneamente iPhone, Apple Watch e AirPods”, ha dichiarato la società. Ma dopo diversi ritardi, Apple a marzo “ha concluso che AirPower non raggiunge i nostri standard elevati” e quindi annullò il progetto”.

App per creatori di Facebook

negli anni frenetici dei creatori di video virali, Facebook ha lanciato un’app per creatori destinata ad aiutare gli influenti aspiranti a raggiungere un pubblico più vasto sul sito di social network. Due anni dopo, Facebook ha chiuso silenziosamente e indirizzato le persone a Creator Studio.

Laundroid

una macchina che piega il bucato? Iscrivimi! Aspetta, costa solo $ 16.000? Ok, forse posso piegare i miei vestiti. In poche parole, quella era la situazione affrontata dal giapponese Laundroid. Un’idea interessante che la compagnia non è riuscita a far decollare.

Microsoft EBook Store

Microsoft ha rimosso la categoria dei libri dal Microsoft Store ad aprile e ha aumentato la capacità di leggere gli ebook acquistati a luglio.

Computer portatili a marchio Toshiba

Nel 2018, Toshiba ha venduto la sua business unit PC a Sharp, il produttore di display giapponese, di proprietà del colosso manifatturiero taiwanese Foxconn. Sharp è uscito dal business dei PC nel 2010, ma ora è tornato a vendere PC Toshiba. Basta non chiamarli così; sono stati rinominati Dynabooks.

BlackBerry Messenger

si è spento definitivamente il 31 maggio e con esso una parte della storia della prima messaggistica mobile. Emtek, la società indonesiana che ha collaborato con BlackBerry nel 2016, ha citato la difficoltà di attrarre nuovi utenti. La dichiarazione ” L’industria della tecnologia, tuttavia, è molto fluida e, nonostante i nostri notevoli sforzi, gli utenti sono passati ad altre piattaforme, mentre i nuovi utenti si sono dimostrati difficili da accedere.”

Instagram Direct

questa app standalone è nata nel 2013 per gli utenti di Instagram di condividere foto privatamente con gli amici. Ma con la funzionalità DM nell’app principale, Instagram Direct ha reso ridondante e non particolarmente popolare, spingendo Instagram a chiuderlo all’inizio di quest’anno.

Ristoranti Amazon

Amazon ha lanciato il suo servizio di consegna di ristoranti nel 2015 per i membri di Amazon Prime a partire da Seattle. Il servizio si è poi esteso a oltre 20 città in tutto il paese, tra cui New York, San Francisco e Washington DC, oltre che all’estero. Ma l’anno scorso, la società ha chiuso Amazon Restaurants nel Regno Unito a seguito di notizie secondo cui stava anche tagliando lavori presso la divisione americana del servizio. Quest’anno ha chiuso definitivamente.

Tablet con marchio Google

Google ha confermato quest’estate che non avrebbe più prodotto tablet standalone (come il Nexus 7) e si sarebbe invece concentrato sui notebook. “Ehi, è vero … il team HARDWARE di Google si concentrerà esclusivamente sulla costruzione di laptop per il futuro, ma non commettere errori, i team di Android e Chrome OS sono impegnati al 100% nel lungo periodo a lavorare con i nostri partner su tablet per tutti i segmenti del mercato (consumatore, impresa, educational) “, ​​ha dichiarato all’epoca il responsabile dei dispositivi di Google, Rick Osterloh.

 

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

Fonte:
www.pcmag.com

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Tecnologie dismesse nel 2019 proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/tecno-news/tecnologie-dismesse-nel-2019/feed/ 0
Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Seconda Parte) https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-e-o-hard-disk-seconda-parte/ https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-e-o-hard-disk-seconda-parte/#respond Sun, 22 Dec 2019 17:51:13 +0000 https://www.iblog127.it/?p=823 Clonare o non Clonare.. questo è il problema…. ok , forse l’ora tarda mi ha un po’ dato alla testa! Ma riprendiamo da dove ci eravamo lasciati. Abbiamo creato la chiavetta USB con Clonezilla. Partiamoooo… Boot USB Inseriamo la chiavetta USB nel nostro portatile/PC ed entriamo nel bios (F2 o F10 dipende dal vostro computer) […]

L'articolo Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Seconda Parte) proviene da iBlog127.it.

]]>
Clonare o non Clonare.. questo è il problema…. ok , forse l’ora tarda mi ha un po’ dato alla testa!
Ma riprendiamo da dove ci eravamo lasciati. Abbiamo creato la chiavetta USB con Clonezilla.

Partiamoooo… Boot USB

Inseriamo la chiavetta USB nel nostro portatile/PC ed entriamo nel bios (F2 o F10 dipende dal vostro computer) modificando la sequenza di Boot in modo che inizi dalle porta USB. Spesso basta semplicemente premere F12 durante il Boot e scegliere la nostra chiavetta.

Finalmente Clonezilla

Una volta che il nostro pc si sarà avviato da chiavetta usb, vi sarà subito la scelta di utilizzare Clonezilla in modalità live.

Menu Principale Clonezilla
Scelta menù clonezilla

Si aspetterà che compare la scelta della lingua che ovviamente metteremo in italiano, e della tastiera

Scelta della Lingua Italiana

e poi finalmente faremo partire Clonezilla con “Start Clonezilla Avvio di Clonezilla”

Start di Clonezilla
Menu di avvio di Clonezilla

La scelta della vita.. Clonare o File Immagione

A questo punto decidiamo se vogliamo eseguire un salvataggio su file immagine oppure clonare il disco direttamente. Ovviamente decidete a seconda delle vostra necessità.

Salvare su file Immagine o clonare
Salvataggio su file immagine oppure clonazione del hard disk

Scegliere se salvare in locale, nel nostro caso un Hard Disk  esterno, oppure su qualche share di rete.
Se è in locale, scegliete LOCAL_DEV

Locale o Share
Scelta salvataggio in locale o in rete

Scelta del Hard Disk Usb e Path

A questo punto dovrete collegare il vostro si collega hard disk USB e attendere che venga riconosciuto. Per uscire dalla videata, come suggerito dallo stesso Clonezilla, eseguire Ctrl-C.
Una volta che abbiamo deciso dove salvare, selezioniamo il hard disk relativo e se avete scelto l’opzione del file immagine il path
.

Clonezilla Hard disk e Path
Scelta hard disk e path

E’ vaiiii finalmente partiamo con il salvataggio (oppure restore)

 A questo punto possiamo finalmente far partire il salvataggio (o duplicazione se avete scelto questo), utilizzando Beginner Modalità Principiante. Perché diciamocelo, se foste esperti non leggereste questa guida!!!

Beginenner o Expert
Scegliamo se siamo esperti o no?  No! W beginner

Salvare una partizione o un disco intero??

Nella videata successiva dobbiamo scegliere esattamente cosa vogliamo fare. Infatti con la prossima azione decidiamo il COSA salvare. 

Se vogliamo la copia esatta del disco (bootloader, tabella partizione ecc) allora si dovre sceglire SAVEDISK, mentre se vogliamo solo una partizione di sistema (quindi NON intero disco) si usa SAVEPARTS.

Le altre due opzioni succesive sono esattamente complementari alla prime due. Serviranno quando vorremo restorare il file o duplicare il disco.

Restoredisk serve per restorare l’intero disk quindi SAVEDISK –> RESTOREDISK

Restoreparts se abbiamo salvato solo la partizione di sistema  SAVEPARTS–>RESTOREPARTS

In caso di scelta Save disk dobbiamo/possiamo dare un nome al file immagine, oppure lasciare il default. 

Clonezilla Salvataggio
Scelta del tipo di salvataggio

Se avete più disk vi chiederà di scegliere quale disco copiare

Gli step successivi sono i vari controlli che potete impostare per essere sicuri che vada tutto a buon fine. Ovviamente più controlli più tempo impiegherà, ma se potete inseriteli tutte.

E via.. finalmente salvataggio. 

Finalmente possiamo partire con la creazione o duplica del file immagine. Vi saranno un indicatore che vi permetterà di monitorare la copia.

Salvataggio del HD
Monitoraggio del salvataggio o duplica

Certo abbiamo finalmente il salvataggio in un bel file.. ma come possiamo ripristinarlo???

Niente di piu facile!

Ripristino del file immagine

Si fa esattamente come la guida per il salvataggio, cioè fino a cliccka qua, ma quando chiede che tipo di salvataggio eseguire, basta indicare il restore.

Restore Hard disk
Restore da file immagine

Una volta scelto il tipo di restore, basta selezionare il nome del file immagine, ed inizierà ad copiare l’immagine sul nuovo hard disk.

Scelta file immagine
Scelta del file immagine

Facilissimo insomma…per dubbi scrivete e vi risponderò!

Link per la Prima Parte: https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-far-rivivere-un-vecchio-portatile-prima-parte/

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

Fonti:
microsoft.com
www.windowsblogitalia.com

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Seconda Parte) proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-e-o-hard-disk-seconda-parte/feed/ 0
Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Prima Parte) https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-far-rivivere-un-vecchio-portatile-prima-parte/ https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-far-rivivere-un-vecchio-portatile-prima-parte/#comments Thu, 19 Dec 2019 20:08:44 +0000 https://www.iblog127.it/?p=742 Perché clonare un Hard Disk? Supponiamo che abbiamo un vecchio portatile e lo vorremmo più veloce. Farlo rivivere insomma! Un’ottima idea è quella proprio di cambiare hard disk (se Sata) e sostituirlo con un SSD. Renderete il vostro pc o portatile moolto più veloce!!! Ok abbiamo deciso di cambiare Hard disk su un portatile o […]

L'articolo Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Prima Parte) proviene da iBlog127.it.

]]>
Perché clonare un Hard Disk? Supponiamo che abbiamo un vecchio portatile e lo vorremmo più veloce. Farlo rivivere insomma! Un’ottima idea è quella proprio di cambiare hard disk (se Sata) e sostituirlo con un SSD. Renderete il vostro pc o portatile moolto più veloce!!!

Ok abbiamo deciso di cambiare Hard disk su un portatile o un pc fisso. Ma non vogliamo perdere tempo a reinstallare tutto. Un’ottima idea è quella per il metodo della clonazione del hard disk.

Perché dovremmo clonare un hard disk, non si possono spostare semplicemente le cartelle copiarle?
La risposta è dipende!

Infatti se la nostra necessità è quella di spostare dati, ad esempio foto, film , o altro, si può certamente copiare le varie cartelle su una chiavetta usb capiente (oppure un Hard disk esterno) e ricopiarlo sul nuovo hard disk.

Ma se il nostro hard disk ha i file di sistema operativo (il classico “C”), supponiamo la nostra intenzione e proprio sostituire un hard disk in un vecchio portatile per farlo rivivere, allora assolutamente no.

Clonare o Duplicare???

La clonazione vuol dire poter avere esattamente lo stesso disco byte per byte, mentre la duplicazione è semplicemente una copia, quindi la copia di un hard disk NON potrà fare il boot (ad esempio la partizione potrebbe non essere attiva!).
Per quello è necessario utilizzare la clonazione (azz sembra un film di fantascienza!!).

Quasi tutti eseguono la clonazione avendo entrambi gli hard disk online, cioè funzionanti contemporaneamente. Ma non sempre si ha disposizione un computer con i vari attacchi sata, ata ecc.

La mia idea, per ovviare a questo problema è quella di creare un file immagine del hard disk che si vuole copiare. Un file immagine non è altro il clone di intero hard disk dentro un singolo file! Quando ad esempio scarica la ISO di Windows 10 oppure di una distribuzione Linux , non è altro che il file immagine di un DVD! Noi faremo lo stesso, ma del nostro hard disk del portatile/pc … chiaro no?

Inoltre questa procedura sarà utile se vogliamo fare un backup completo! In caso di disastro si potrà avere di nuovo un pc funzionante in tempo zero. Ovvio, non è proprio il sistema migliore, ma sicuramente è sicuro!

Per riuscire a far tutto è necessario avere una chiavetta USB boot (minimo da 8 Gb) dove vi sarà CLONEZILLA (ovviamente free e  open source!) ed un hard disk esterno abbastanza capiente per contenere il file immagine (che deve essere di dimensioni uguali o superiori al disco target). Se abbiamo un Hard disk di 120 Gb, il nostro sostituto deve essere maggiore o uguale di 120 Gb.

Clonezilla.. ma che è?

Forse vi chiederete da dove salta fuori questo software? Per quanto magari ai più sarà sconosciuto, in realtà Clonezilla è un programma gratuito di clonazione dischi e creazione di immagini del disco rigido.

Clonezilla è stato progettato da Steven Shiau e sviluppato da NCHC Free Software Labs a Taiwan. Clonezilla SE fornisce supporto multicast alla stessa maniera di Norton Ghost Corporate Edition. Insomma delle credenziali di tutto rispetto!

Download del software… e si  va

Per prima cosa è necessario eseguire il download del software necessario. Il sito https://clonezilla.org
La scelta della “Cpu Architeture” dipende dalla vostra CPU.

  • Se avete una CPU AMD64 o un Intel 64 allora potete scaricare la versione amd64
  • Se avete dubbi utilizzate la versione I686 . La versione sarà un po’ più lenta ma va con tutto!!
  • Deve essere un iso non ZIP

Rufus… ma da dove spunta?

Rufus non è nient’altro che una utility che ci permetterà di copiare Clonezilla su una chiavetta USB che diventerà avviabile. Ma stessa cosa potete fare per diverse distribuzioni linux.

Il link dove trovare il software è qua RUFUS.

Creazione della chiavetta USB …

Dobbiamo adesso creare la chiavetta avviabile.

ATTENZIONE: TUTTI I DATI DELLA CHIAVETTA SARANNO CANCELLATI

Eseguiamo l’utility RUFUS, vi sarà chiesta autorizzazione di eseguire il programma.

In “Dispositivo/unità” selezionate dove avete messo la chiavetta USB (minimo da 8 Gb) e selezionate in “SELEZIONA” (ma va!!!) dove avete salvato ISO di Clonezilla.

Prima di selezionare avvia, ricordo che tutti i dati della chiavetta saranno persi in quanti sarà formattata.

A questo punto selezionate “AVVIA” e partirà la creazione della chiavetta USB con Boot e appunto Clonezilla

Rufus con Clonezilla
Configurazione di Rufus per Clonezilla

A questo punto dopo aver avvertimento che distruggerà tutti i dati della chiavetta USB (preferisco dirlo e ridirlo per evitare brutte sorprese), partirà con la copia dell’ISO di Clonezilla, finchè non avrà terminato.

Nella prossimo articolo  eseguiremo il backup/restore su file oppure clonazione  del disco.

Parte seconda-> https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-e-o-hard-disk-seconda-parte/

Attenzione: State utilizzando questa procedura a vostro rischio e pericolo. Il sito Iblog127 ed io non siamo responsabili in alcun modo.

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

Fonte:

https://www.giardiniblog.it
https://clonezilla.org
https://web-in.it

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

L'articolo Clonare un Hard Disk su SSD e/o Hard Disk (Prima Parte) proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/informatica/clonare-un-hard-disk-su-ssd-far-rivivere-un-vecchio-portatile-prima-parte/feed/ 1
Gratis Aggiornare a Windows 10 https://www.iblog127.it/informatica/gratis-aggiornare-a-windows-10/ https://www.iblog127.it/informatica/gratis-aggiornare-a-windows-10/#respond Thu, 12 Dec 2019 15:22:13 +0000 https://www.iblog127.it/?p=804 Se ci ricordate, quando usci Windows 10, la Microsoft decise che si consentiva di aggiornare gratuitamente da Windows 7/8 a Windows 10. Il 16 gennaio 2018, tale possibilità cessava. Ho forse no? Addio Windows 7 In effetti è ancora possibile effettuare upgrade gratuito. Tra poche settimane terminerà la fine del supporto microsoft a  a Windows […]

L'articolo Gratis Aggiornare a Windows 10 proviene da iBlog127.it.

]]>
Se ci ricordate, quando usci Windows 10, la Microsoft decise che si consentiva di aggiornare gratuitamente da Windows 7/8 a Windows 10.

Il 16 gennaio 2018, tale possibilità cessava. Ho forse no?

Addio Windows 7

In effetti è ancora possibile effettuare upgrade gratuito. Tra poche settimane terminerà la fine del supporto microsoft a  a Windows 7. 

La data ultima è il 14 gennaio 2020, mentre per le aziende 2023 (ma a pagamento).

Mi pare quindi un buona idea ricordare come è possibile aggiornare LEGALMENTE la vostra versione di Windows. Vi sono due metodi. Il primo tramite aggiornamento con l’Assistente e il secondo scaricando ISO di Windows 10.

Metodo 1

Scarichiamo dal sito microsoft l’ Assistente Aggiornamento Windows 10, dal sito microsoft QUA. Nella pagina Microsoft si chiama “Aggiorna Ora

Avviate il software, accettate le licenze d’uso, e partirà il controllo di compatibilità, e successivamente la preparazione dell’aggiornamento (previo download e verifica).

Verranno scaricati eventuali aggiornamenti, e poi verrà avviata l’installazione vera e  propria di Windows 10. Verrà riavviato il pc, vi verrà chiesto alcune conferme (Usa Cortana, Scopri Cortana, Nuove App ecc) e finalmente vi arriverà il messaggio di aggiornamento eseguito. Facile vero?

Metodo 2

Per questa seconda procedura è necessario scaricare l’ISO di Windows 10, e anche qua Microsoft ci viene incontro un un tool, chiamato Media Creation Tool (nella pagina web Microsoft, “scarica lo strumento“)  da QUA.  Una volta scaricato la versione, punto potete eseguire il mount del file iso e lanciare il solito setup.exe.

Anche in questo caso, saranno scaricati eventuali aggiornamenti. Andate avanti e windows verificherà la compatibilità hardware, lo spazio disponibile. Solo a questo punto comparirà il messaggio, Pronto per l’installazione e il relativo pulsante Installa.

Come nel metodo precedente il pc verrà riavviato e vi verranno chieste alcune conferme, (Usa Cortana, Scopri Cortana, Nuove App ecc) e dopo qualche riavvio, finalmente avrete il messaggio di Benvenuto in Windows 10.

 

Insomma in entrambi i casi la procedura è semplice, ma sopratutto assolutamente legale.

 

 

Alla prossima con un altro Post!!!
Vostro iBlog127

 

Fonti:
microsoft.com
www.windowsblogitalia.com

 

Sito Amico:
https://pandaboss.altervista.org/
https://www.iblog127.it

 

 

L'articolo Gratis Aggiornare a Windows 10 proviene da iBlog127.it.

]]>
https://www.iblog127.it/informatica/gratis-aggiornare-a-windows-10/feed/ 0